sabato 31 maggio 2014

Solunto Vive 2014



Soluntum Lives 2014. The event will take place Saturday, May 31 and Sunday, June 1st, entertainment and guided tours in the Archaeological Excavations of the Citadel. As part of the project 'in Soluntum Scene'. Youth: protagonists of a new culture of memory. At the Organizing Committee Technical - Artistic.

HOURS - From the hours 9.00/17.00. Admission is free.

Info: Ente Parco Archeologico Soluntum - Tel (+39) 338 7.84514 million

On the mountain Catalano, about 2 km from Santa Flavia, placed in a splendid panoramic setting, there are the ruins of Soluto, Hellenistic-Roman city built in the middle of the fourth century BC and abandoned at the end of the second century. DC. Soluntum, one of the three Punic cities of Palermo and Sicily with Mothya, occupies a delightful position on a slope of the promontory formed by the Monte Catalfano which overlooks the sea and Capo Zafferano. Founded by the Carthaginians in the fourth century. BC, possibly on the remains (or near) a more ancient Phoenician city, after nearly a century passed under Roman rule. The name comes from two sources: a legendary evil being that sees him tied Soluntum, defeated by Heracles in these places, the other, more realistic, which correlates with the word Carthaginian Selaim, cliff.

The plan of the city following the dictates of classical, established by Hippodamus of Miletus and protrudes at right angles around a decuman, hinged at right angles forming islets intersected by narrow passages for water to drain. The strongly sloping terrain necessitated terracing and development in the height of many homes. Although today the top floor no longer exists, you can still see the access stairs.

Solunto Vive 2014. La manifestazione si svolgerà sabato 31 maggio e domenica 1 giugno, animazione e visite guidate negli Scavi Archeologici della Cittadella. Nell'ambito del Progetto 'Solunto in Scena'. Giovani: protagonisti di una nuova cultura della memoria. A cura del Comitato Organizzatore Tecnico - Artistico.

ORARI - Dalle ore 9.00/17.00. Ingresso gratuito.

Info: Ente Parco Archeologico Solunto - Tel. (+39) 338 7845140

Sul monte Catalano, a circa 2 Km da Santa Flavia, inserite in uno splendido contesto panoramico, si trovano le rovine dell’antica Soluto, città ellenistico-romana costruita intorno alla metà del IV secolo a.C. e abbandonata alla fine del II sec. D.C.. Solunto, una delle tre città puniche della Sicilia con Mozia e Palermo, occupa una bellissima posizione su un pendio del promontorio formato dal Monte Catalfano da cui si domina il mare con Capo Zafferano. Fondata dai Cartaginesi nel IV sec. a.C., forse sui resti (o nei pressi) di una più antica città fenicia, dopo circa un secolo passa sotto il dominio romano. Il nome ha due origini: una leggendaria, che lo vede legato all'essere malvagio Solunto, sconfitto da Eracle proprio in questi luoghi, l'altro, più realistico, che lo mette in relazione con la parola cartaginese Selaim, rupe.

La pianta della città segue i dettami classici, stabiliti da Ippodamo da Mileto e si sviluppa ortogonalmente intorno ad un decumano maggiore, con cardini perpendicolari che formano insule intersecate da stretti passaggi per lo scolo delle acque. Il terreno fortemente scosceso ha reso necessario il terrazzamento e uno sviluppo in altezza di molte abitazioni. Anche se oggi il piano superiore non esiste più, si possono ancora vedere le scale d'accesso.

Nessun commento: