Sant'Anna

Patron Saint Anne - Santa Flavia (PA)

Protectress of mothers and pregnant women, widows and embroiderers, his feast suppressed by St. Pius V in 1580, it was returned and received in the Roman calendar in 1584, from July 26, 1913 St. Anne is remembered along with her husband Joachim.
In the tradition of the cult of St. Anne which also binds Joachim is pinned to the Immaculate Conception, their beloved daughter.
In Sicily, the Third Order Regular Franciscan fathers who in 1635 managed to spread the devotion and worship, by locating as Patron for their religious province.
Countries like Aliminusa, Alton, Castelbuono where the cult dates back to the reign of the noble Ventimiglia family who in 1300 acquired a skull as a relic of the Holy donated by the Duke of Lorraine to William Ventimiglia which is currently stored in the pretty town.
The cult of Santa Flavia Santa for this can be traced back almost to the origin of the country to start its expansion towards the end of the seventeenth century, when agro Palermo spread the phenomenon of the holiday, the family acquired the principality of Filangeris Santa Flavia former district Solanto to build his summer residence which subsequently determined the development of the town and the birth of the town of Santa Flavia.
Today the old eighteenth-century villa and its lush garden full of exotic plants and trees became the property of the municipality that has made its head office.
In the place where later the lords built their chapel staff was a small rural church dedicated to St. Anne.
The construction of the Basilica, commissioned by the three sons of the Prince of Santa Flavia Cristofaro, one of them was a domestic prelate of the Pope, had its start around 1705 and ended with the opening of the new building for worship religious July 25 1756 consecrating the Holy Virgin's mother.
He received a second destination to the cult July 24, 1785 with a papal bull by the then Pope Pius VII, who distinguished the Basilica called "Soluntina", admitting to San.Giovanni Lateran Basilica.
The late Baroque building, currently comes with its unique characteristics of a true masterpiece that have been handed down over time.
Every year on July 26 in conjunction with the confraternities dedicated to her, both male and female, and the municipality of Santa Flavia organizes the solemn celebration of its patron saint, sacred and profane refers to an ancient tradition that has now become secular .
It will open the festivities a solemn novena will end on the day dedicated to the Patron Saint with songs and chants inside the Basilica.
Exciting is the procession of the statue of St. Anne, that instead of a characteristic "vara" who carried on the shoulders of young men of the brotherhood, (formerly the practice was entrusted to the faithful devotion to that every year melted a "vote" and they were called "carriers", and accompanied by a large number of the faithful) through all the streets of the town, illuminated for the occasion by a flash of multicolored lights, combined with the joyful sound of the band, while the devotees raise prayers for her ascrittagli honor.
If required, repeats an ancient custom, taken in recent times to decorate the balconies of their homes by the faithful and to show them the procession of the patron saint, about the municipality has established a prize for the best decorations.
The ancient fercolo is adorned with floral motifs: the red drapes adorned with the insignia of municipal capeggiano where the wooden statues of St. Anne with the Virgin daughter.
The wooden group, recalls the statue placed in a gallery of the main facade, neo-classical, located in one of the two orders of the Basilica, and installed in the early years of the twentieth century, so that it can be seen from the main axis of the country that the territory size urbanistically .
The complex sculptural century, is attributed to the master Filippo Quattrocchi, who has stamped its authority, leaving the imprint particular, it refers to his style.
The soft draping of the garments that enhance the harmonious bodies of simulacra and the sophistication of their cloaks around them arouse a nice plastic composition and iconography.
The image of St. Anne is pleased to present its show little creature increased in its appearance and shown as an adult.
From recent popular piety flavese with its financial assistance and permission of the superintendent has allowed his artistic restoration carried out by Professor Gaetano Misilmeri currents that brought the work to its former glory and allowing its identification of those who have made ​​the 'work still unknown.
The solemn pontifical is announced by a festive alborata, the Eucharistic celebration presided by Auxiliary Bishop, participate in civil and military authorities and all the faithful that will shake the imposing procession in the afternoon.
Concludes the ceremony kiss the relic, everyone in the procession, kiss the silver reliquary containing a tiny little bone of the skull belonged to Santa, just after the statue will be exhibited together for his devotion.
The Brotherhood male only recently established with the aim of continuing the cult of St. Anne, during the solemn pontifical honored with the brown dress gold rimmed with a big monogram embroidered over your shoulder, make the floral tribute offered by company "Art des Fleurs" at the statue of the patron saint, simultaneously firing a "crackers" will be performed outside the Basilica.
In the late afternoon, the tamburinai with typical percussion instruments will open the event with their hustle and bustle, the "carriers" will travel back to the statue in procession through the main streets of the village with the joy of all loyal citizens, the image will come and bring hope and love to those faithful unable to ambulate.
On his return to the Basilica a superb tribute fireworks with music games will rise from the ancient residence of the Filangeris to conclude an impressive triumph for Mother Anne.


Il Trionfo di Sant’Anna
Protettrice delle madri e delle partorienti, delle vedove e delle ricamatrici, la sua festa soppressa da s.Pio V nel 1580, fu restituita e accolta nel calendario romano nel 1584, dal 26 luglio 1913 Sant’Anna viene ricordata insieme al suo sposo Gioacchino.
Nella tradizione il culto a Sant’Anna che lega anche Gioacchino è riposto a quello dell’Immacolata Concezione, loro diletta figlia.
In Sicilia i padri Francescani del Terzo Ordine Regolare che a partire dal 1635 riuscirono a diffondere la devozione e il culto, stabilendola come Patrona per la loro Provincia religiosa.
Paesi come Aliminusa, Altofonte, Castelbuono dove il culto risale al periodo della reggenza della aristocratica famiglia dei Ventimiglia che nel 1300 acquisì un teschio come reliquia della Santa donata dal duca di Lorena a Guglielmo Ventimiglia che attualmente è conservato nella graziosa cittadina.
Il culto a Santa Flavia per questa Santa si può far risalire quasi all’origine del paese, che inizio la sua espansione verso la fine del XVII secolo, quando nell’agro palermitano si diffuse il fenomeno della villeggiatura, la famiglia Filangeri acquistò il principato di Santa Flavia ex contrada di Solanto per edificare la propria residenza estiva che successivamente determinò lo sviluppo dell’abitato e la nascita del comune di Santa Flavia.
Oggi l’antica villa settecentesca e il suo rigoglioso giardino ricco d’essenze esotiche e secolari è divenuta proprietà del comune che ne ha fatto la propria sede amministrativa.
Nel luogo dove in un secondo tempo i signori costruirono la loro cappella personale si trovava una piccola chiesetta agreste consacrata a Sant’Anna.
La costruzione della Basilica, voluta dai tre figli del principe di Santa Flavia Cristofaro, di cui uno di loro era prelato domestico del Papa, ebbe il suo avvio intorno al 1705 e si terminò con l’apertura al culto del nuovo edificio religioso il 25 luglio del 1756 consacrandola alla Santa madre della Madonna.
Ricevette una seconda destinazione al culto il 24 luglio del 1785 con una bolla pontificia dall’allora Papa Pio VII che la contraddistinse Basilica chiamata “soluntina”, ammettendola alla Basilica di San.Giovanni in Laterano.
La tarda costruzione barocca, attualmente si presenta con le sue caratteristiche singolari di un autentico capolavoro che si sono tramandati nel tempo.
Ogni anno il 26 luglio in collaborazione con le confraternite a lei dedicate, sia maschile che femminile, e il comune di Santa Flavia organizza i solenni festeggiamenti per la sua Santa patrona, tra sacro e profano richiama ad un’antica tradizione che ormai è diventata secolare.

Aprirà i festeggiamenti un solenne Novenario che si concluderà il giorno dedicato alla Santa Patrona con canti e litanie all’interno della Basilica.
Emozionante è la processione del simulacro di Sant’Anna, che posto su di una caratteristica “vara” che portata a spalle dai giovani della confraternita maschile, (anticamente questa pratica era affidata a dei fedeli che per devozione ogni anno scioglievano un “voto” ed erano chiamati “portatori”, e accompagnata da un folto numero di fedeli) attraversa tutte le vie della cittadina, illuminata per la circostanza da uno scintillio di luci multicolori, abbinata dal suono festoso della banda musicale, mentre i devoti innalzano preghiere a lei ascrittagli per onorarla.
All’occorrenza si ripete un’antica consuetudine, ripresa in tempi recenti, quella di addobbare i balconi delle proprie abitazioni da parte dei fedeli e di mostrarli al passaggio della processione della Patrona, in merito il comune ha stabilito un premio per il migliore addobbo.
Il vetusto fercolo è adornato con motivi floreali: ornato dai drappi rossi con le insegne comunali, dove capeggiano i simulacri lignei di Sant’Anna con la Madonna bambina.
Il gruppo ligneo, richiama la statua posta in una balconata della facciata principale, neoclassica, situata in uno dei due ordini della Basilica, e istallata nei primi anni del XX secolo, affinché possa essere vista dall’asse principale del paese che urbanisticamente taglia il territorio.
Il complesso scultorio, settecentesco, è opera attribuita al maestro Filippo Quattrocchi, che ha impresso la propria autorevolezza lasciando quell’impronta particolare che si rifà al suo stile.
I panneggi morbidi delle vesti che esaltano gli armoniosi corpi dei simulacri e la raffinatezza dei mantelli che li avvolge suscitano una piacevole composizione e plastica iconografia.

L’immagine di Sant’Anna si mostra compiaciuta nel presentare la sua piccola creatura accresciuta nelle sue sembianze e mostrata già adulta.
Da recente la pietà popolare flavese con il suo contributo economico e il permesso della sovrintendenza artistica ha consentito il suo restauro eseguito dal professore Gaetano Correnti di Misilmeri che ha riportato l’opera al suo antico splendore e permettendo la sua identificazione di chi ha realizzato l’opera tuttora ignota.
Il solenne pontificale viene annunciato da una festosa alborata, la celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo Ausiliare, partecipano autorità civili e militari e fedeli tutti che si stringeranno nel pomeriggio alla imponente processione.
Conclude la cerimonia il bacio della reliquia, tutti i presenti in corteo, baceranno il reliquario d’argento contenete un piccolo ossicino del teschio appartenuto alla Santa, subito dopo sarà esposto assieme al simulacro per la sua devozione.
La confraternita maschile istituita solo da recente con lo scopo di proseguire il culto di Sant’Anna, durante il solenne pontificale, onorati con l’abitino castano bordato d’oro con un grosso monogramma ricamato dietro le spalle, renderanno l’omaggio floreale offerto dalla ditta”Art des Fleurs” al simulacro della Santa Patrona, in contemporanea uno sparo di “castagnole” sarà effettuato all’esterno della Basilica.
Nel tardo pomeriggio, i tamburinai con i caratteristici strumenti a percussione apriranno con il loro trambusto la manifestazione, i “portatori” a spalla recheranno il simulacro in processione per le vie principali del paese con il giubilo di tutti i cittadini fedeli, l’immagine giungerà e porterà speranza e amore a quei fedeli impossibilitati di deambulare.
Al suo rientro in Basilica un superbo omaggio pirotecnico con giochi musicali si leverà dall’antica residenza dei Filangeri per concludere un tripudio imponente per la Madre Sant’Anna.

Tratto da: Palermoweb

Nessun commento: